I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 30 ottobre 2014

Intervista con Luna Gualano

E' con grande piacere che ospito qui sul blog la regista Luna Gualano, giovane virgulto che ha esordito nel lungometraggio con un film che ha fatto girare la testa a diverse persone, me compreso, quello Psychomentary che sta facendo molto parlare di sè.
Un vero piacere parlare con una persona di gentilezza squisita come lei, disponibile e simpatica, mai banale nelle risposte.
E finalmente una regista che ci può far onore anche all'estero.
Bando alle ciance e cominciamo subito:

1) Dicci chi è Luna Gualano e che cosa ha fatto fino a questo momento.
Ho sempre avuto una grande passione per la recitazione ma a 26 anni ho capito che la mia vera vocazione era quella di stare dietro la telecamera. Ho cominciato girando videoclip musicali e spot e ho avuto il piacere di collaborare con grossi nomi, facendo tantissima esperienza. Nel 2013, poi, ho finalmente esordito con la mia opera prima in ambito cinematografico.
2) Ho visto che hai curato, tra le altre cose, uno speciale su una serie di film per la tv in cui erano impegnati numerosi figli d'arte: ma davvero il cinema italiano sta diventando una cosa per figli e parenti d'arte?
Purtroppo l'Italia ha sempre strizzato l'occhio ai legami parentali. Comunque non credo sia sempre necessariamente un male: conosco dei "figli d'arte" con tantissimo talento (giusto per fare un esempio Cesare Rascel e Adelmo Togliani) che possono addirittura essere sottovalutati a causa del cognome che portano. Insomma, non generalizzerei: se ti dai da fare, sgomitando qua e là c'è posto per tutti.
3) Parlaci del progetto Psychomentary di come è nato e di come è cresciuto.

Il film nasce dalla mia collaborazione con Giorgio Amato, che, oltre ad essere un bravissimo sceneggiatore, è anche un collega e grandissimo amico e Andrea Iervolino, che in quel momento era alla ricerca di un progetto di questo genere. Io avevo un vecchio soggetto che Giorgio ha completamente reinterpretato dandogli nuova vita. Per esigenze produttive abbiamo dovuto fare tutto molto in fretta: dalla stesura della sceneggiatura alla consegna del film in duplice lingua non sono passati neanche otto mesi.
4) Esordisci con un horror ( anche se forse la definizione è un po' restrittiva riguardo al tuo film): sei una delle poche registe in questo genere: ma l'horror è un genere per soli uomini?
Più che Horror in questo caso parlerei di thriller sociale. In generale, io amo il genere horror (la mia seconda opera sarà un horror vero e proprio) e credo che la poca presenza femminile, nel genere, dipenda dalle scelte delle stesse registe. Spesso molte mie colleghe sentono la necessità di dover rimarcare il loro impegno nel sociale (spesso proprio trattando tematiche "femminili") o dare sfoggio di un intellettualismo non necessario. Credo che spesso derivi da un'insicurezza non ancora completamente superata. A me, al contrario, interessa solo raccontare una storia, indipendentemente dalla mia appartenenza al genere femminile.
5) Una cosa che mi ha colpito del tuo film è la scelta delle musiche, veramente anticonvenzionali : ce ne puoi parlare?
La selezione musicale è stata fatta assieme ad Emiliano Ra-B, produttore della scena indipendente romana e mio compagno di vita. Grazie a lui, ho avuto modo di scoprire tantissimi artisti della realtà capitolina. In italia spesso non ci si rende conto di essere circondati da veri e propri talenti, che meriterebbero palcoscenici più vasti ed una notorietà molto maggiore di quella che spesso hanno.
6) Quali sono le tue ispirazioni in campo registico?
Ho veramente troppi "miti", sarebbe veramente dura citarli tutti.. In generale adoro l'"eccesso", se proprio dovessi citarne solo un paio. direi Tarantino e Rodriguez.
7) Hai una certa esperienza nel campo del videoclip, in futuro ti vedi più regista di cinema e televisione o di video musicali?
Amo la musica, ma credo che, ad un certo punto, qualsiasi regista finisca per sentirsi un po' stretto nei panni del "regista di videoclip". Adesso sto guardando verso il cinema, ma il mio vero sogno sarebbe produrre e dirigere una serie horror italiana.
8) Quali sono i tuoi progetti futuri e a che cosa stai lavorando adesso?
Attualmente sto lavorando alla pre-produzione del mio secondo lungometraggio, un horror (in questo caso mai definizione fu più "azzeccata") intitolato "Confiteor". Si tratta di un progetto un po' inusuale per l'attuale panorama italiano.
9) Come vedi la scena horror italiana?
In realtà sono molto ottimista. Vedo un sacco di nuovi nomi affacciarsi a questo genere. L'unica "nota dolente" è che spesso questi registi vengono considerati maggiormente all'estero che in patria. Purtroppo il pubblico italiano è estremamente critico nei confronti dei propri connazionali e dimentica che, spesso, pur di tenere "vivo" il genere, molti registi sono disposti a lavorare con pochissimi mezzi o adirittura ad autoprodurre i propri film.
10) Perché in Italia si investe solo in commedie e non in altri generi come si fa altrove?
Le commedie si rivolgono ad un pubblico molto più vasto rispetto ai film di genere. Se investi su un prodotto di nicchia devi necessariamente rivolgerti anche al mercato estero per poterci guadagnare e generare un profitto. Purtroppo la maggior parte dei produttori nostrani è ancora molto "diffidente" verso il mercato globale, che richiede altri accorgimenti rispetto a quelli che bisognerebbe avere in una produzione rivolta esclusivamente al circuito italiano. Fortunatamente sto constatando che molti produttori stanno cambiando mentalità, anche spronati dalle nuove leve.
11) Film, disco e libro preferiti, anche più di uno se vuoi!
Non riesco proprio a fare una classifica di tutto ciò che mi piace, davvero. Posso adorare lo sci-fi, l'horror o il Fantasy, ma anche la commedia, così come il blues o il punk. Ci sono opere che adoro che sono talmente diverse tra loro che mi risulta impossibile stilare una classifica!
12) Ultima domanda...siamo ai saluti: puoi dire quello che vuoi....

Ti ringrazio tantissimo per questa intervista, avere la possibilità di parlare del proprio lavoro è importantissimo, specialmente per quei progetti che nascono "dal basso" per poi evolversi. Spero di aggiornarti presto circa il mio prossimo film!

Un grazie va a Luna e a tutto lo staff che ha permesso la realizzazione di Psychomentary, un film da vedere assolutamente!

10 commenti:

  1. Un'intervista molto interessante! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie , mi fa piacere che l'abbia gradita!!!

      Elimina
  2. Ottima intervista. Grazie per avermi fatto conoscere questa giovane regista!!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz! Il film è assolutamente degnissimo della visione!!!

      Elimina
  3. La Gualano ha ragione, molto spesso i nuovi talenti del cinema horror, penso ad esempio a nomi come Gionata Zarantonello vengono conosciuti ed apprezzati più all'estero che in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. triste ma vero...in Italia i produttori sono interessati solo a commedie...

      Elimina
  4. Anche io ho conosciuto questa professionista per la prima volta grazie alla tua intervista. Ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela! Luna Gualano è veramente in gamba !!!

      Elimina
  5. Interessante.
    Provo a recuperarlo, e magari poi intervisto anche io la fanciulla, come la vedi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la vedo benissimo, Ford! sia il tuo recupero del film sia la futura intervista...anzi non vedo l'ora di leggerla....

      Elimina