I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 3 ottobre 2014

Devil's Knot - Fino a prova contraria ( 2013 )

West Memphis: in un piccolo sobborgo tre bambini di otto anni vengono seviziati , uccisi e buttati in un torrente . La polizia, non abituata ad indagare su crimini di tale portata, efferatezza e ferocia conduce le indagini in modo approssimativo. Subito, in mancanza di alternative , appare chiaro che la ricerca dell'assassino diventa una caccia alle streghe per placare la paura e il furore vendicativo della piccola comunità.
Ci vanno di mezzo due ragazzi appassionati di heavy metal e riti satanici e un loro conoscente , dal quoziente intellettivo troppo basso per essere credibile che si autoaccusa e li accusa, pur cambiando molte volte versione dei fatti.
Ron Lax, investigatore che collabora con  gli avvocati della difesa con le sue scoperte riesce ad evitare loro la pena di morte ma non una lunga detenzione.
Grazie alle nuove prove da lui portate il caso sarò riaperto e i ragazzi saranno rilasciati dopo 18 anni di detenzione solo grazie a un cavillo legale e non perché lo Stato abbia realmente riconosciuto la loro innocenza.
A leggere la sinossi , Devil's Knot - Fino a prova contraria può sembrare una di quelle pellicole di genere giudiziario che appassionano tanto il pubblico statunitense, probabilmente perché per legge negli USA le telecamere devono stare fuori delle aule di tribunale.
E invece lo è solo parzialmente , poteva essere un thriller ma non lo è, evidentemente a Egoyan non interessano le logiche e i meccanismi del genere pur rispettando fino alla fine la tecnica del whodunit.
E per fortuna abiura anche dal versante horror, tenendo la cinepresa lontano dai particolari più scabrosi.
Quello che interessa al cineasta canadese , come già accaduto in altri suoi film come False verità, Exotica e Il dolce domani, non è tanto il fatto in sè e per sè, che viene enunciato in maniera quasi asettica.
Gli interessano soprattutto le reazioni emotive, la descrizione dello sconvolgimento che avviene nelle vite di chi è stato toccato direttamente o indirettamente nella tragedia.
Al centro di Devil's Knot- Fino a prova contraria non c'è l'indagine di Ron Lax, in cui facilmente lo spettatore si identifica perché sembra l'unico che voglia appurare la verità e che pretenda che giustizia sia fatta, ma il dolore per la perdita di tre giovani virgulti della piccola comunità, un dolore misto quasi a rassegnazione in un ambiente ricco di veleni .
In questo contesto anche la caccia alle streghe messa in atto contro due ragazzi rei solo di essere differenti dagli altri perché amanti si una certa musica e di una certa iconografia, rimane abbastanza sullo sfondo togliendo molto al film in termini di nerbo e di forza narrativa.
Anche il cast non brilla per partecipazione: Colin Firth è sempre un po' timidino, troppo pulito per essere un terragno investigatore privato abituato a usare anche mezzi poco leciti per portare avanti le sue indagini e anche  il tentativo di riciclare Reese Witherspoon come rozza casalinga sudista va abbastanza a vuoto.
 I comprimari inoltre non danno quel quid in più.
L'altro problema fondamentale del film di Egoyan è il suo ingabbiamento dentro paletti troppo stretti all'interno dei quali non è possibile sprigionare la minima creatività.
Questi paletti sono forniti dalla realtà , riportata in modo piatto e soprattutto dagli innumerevoli documentari che sono stati fatti sull'argomento ( il caso è tristemente noto come quello dei Tre di West Memphis).
E' inevitabile che anche una rispettabile opera di fiction come quella di Egoyan abbia solo da rimetterci con documentari che spiattellino in faccia allo spettatore i volti, le voci dei veri implicati nella dolorosa vicenda oltre che i veri avvenimenti senza stravolgimenti o licenze cinematografiche.
Perché , come dico sempre, la realtà supera sempre la più fervida delle fantasie....

PERCHE' SI : vicenda vera , non si indugia sui particolari scabrosi
PERCHE' NO  : troppo poco film giudiziario e poco thriller, cast non brillantissimo, superato in fatto di realismo dagli innumerevoli documentari dedicati alla vicenda.

( VOTO : 5,5 / 10 ) 

Devil's Knot (2013) on IMDb

12 commenti:

  1. bradipo, attento che con la musica satanica che ascolti di solito ti sbattono in galera pure te! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah i miei familiari dopo aver visto questo film hanno capito quanto sono stati fortunati che ancora non ho partecipato a riti di stregoneria, sgozzato capre o bruciato chiese...

      Elimina
  2. Col materiale a disposizione si poteva fare di meglio, una sufficienza comunque gliela diedi ai tempi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io quasi l'ho data perché in fondo mi piacciono questi thriller sudaticci ma è troppo timido...

      Elimina
  3. Un film comunque sufficiente che riesce a rendere giustizia ad una vicenda giudiziaria controversa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me è sembrato troppo timido e ingabbiato...

      Elimina
  4. Concordo. Ottimo materiale, film così così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il caso giudiziario che tratta è di quelli che gridano vendetta...

      Elimina
  5. Di questa piattezza ne ho letto anche altrove. Peccato però, quando hai materia prima e non la sfrutti oh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un film che ha solo da rimetterci dalla realtà raccontata da alcuni documentari realizzati su questo famosissimo caso giudiziario..

      Elimina
  6. Non mi ha mai ispirato, nonostante la presenza di un attorone come Firth

    RispondiElimina