I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 30 giugno 2014

Il segnato ( 2014 )

Jesse, chicano della California , si è appena diplomato alla high school. Dà il via ai festeggiamenti ma nel caseggiato dove abita cominciano a succedere strane cose. Lui e il suo amico Hector la prendono con Anna, donna misteriosa e riservata che tutti credono una strega ( la chiamano "bruja") e così una notte si introducono in casa sua e la spiano mentre disegna simboli a loro sconosciuti sul corpo nudo di una giovane donna. Scappano ma Anna viene ritrovato morta e il sospettato è un altro loro amico , Oscar.
E' una storia di stregoneria e possessioni e sembra che Jesse, dotato ora di forza sovrumana, vi sia invischiato fino al collo....
Piccola premessa: quei furbacchioni dei distributori italiani hanno cercato di nascondere sotto mentite spoglie l'ennesimo parto della mente paracula di Oren Peli eliminando qualsiasi riferimento alla sag(r)a delle Paranormal Activities.
Infatti mentre il titolo italiano è Il segnato quello originale Paranormal Activity : The marked ones non nasconde il cordone ombelicale a cui è legato.
E si va pure al risparmio,sarà la crisi, visto che "i segnati " del titolo originale diventano uno solo ( con il buon senso che va a farsi benedire, visto che non è solo Jesse l'invasato ma come minimo nel conto bisogna mettere anche Oscar).
Indovinate di che genere è questo film?
E indovinate con che tecnica è girato?
Troppo facile?
Esatto è tutto girato con la tecnica del mockumentary / found footage ( mai come in questo caso la distinzione tra i due sottogeneri si avvicina alla disquisizione sul sesso degli angeli ) ed è un horror.
Ed è anche un film di merda non so come altro definirlo.
Christopher Landon, sceneggiatore dei capitoli 2 , 3 e 4 della serie Paranormal Activity viene promosso regista sul campo e si inventa un punto di partenza potenzialmente interessante.
Un'incursione nella comunità latino americana di una città californiana con tutti gli annessi e connessi legati alla grande religiosità dei chicanos, cattolici ultraferventi, e anche alla loro credulità che si instaura in un contesto socioculturale che non ha nulla a che fare con quello del cristiano standard a stelle e strisce.
Quindi fanatismo, stregoneria, credulità, riti ancestrali , insomma un substrato da cui si potrebbe creare qualcosa di buono a livello orrorifico.
E invece viene tutto buttato in vacca con una prima parte in cui non succede letteralmente nulla e il povero spettatore si fa due palle così a vedere un manipolo di decerebrati che fa sembrare la squadra di idioti matricolati che compone Jackass, un gruppo di fini dicitori e menti superiori.
Il problema è che vedere quelli di Jackass fa ridere, vedere Jesse and company fa aumentare l'edema testicolare.
Poi c'è una parte in cui sembra che Oren Peli si voglia convertire all'idea cardine di Chronicle ( l'unico film di supereroi girato in stile mockumentary) mostrando fugacemente i superpoteri di Jesse ma poi si ricorda che è il regista e creatore di Paranormal Activity e ritorna presto nell'alveo tracciato dagli altri film con un'apparizione a sorpresa ( anzi due ) proprio nel finale che, diciamolo, è di un ridicolo che anche la metà bastava....
Tra prequel e spin off Il segnato spara tutte le sue cartucce ( a salve) in una seconda parte che cerca di recuperare il terreno perduto nella prima , ma fallisce miseramente.
Spaventi preconfezionati, la plausibilità della tecnica del mockumentary che viene abiurata più volte per dare un tocco più rifinito al tutto ma rimane la sensazione di  grossa improvvisazione a causa di attori non propriamente di prima qualità e di uno script che procede faticosamente cercando di raccordare tra di loro le scene che dovrebbero provocare paura.
Insomma fino a quando dovremo sorbirci tali brutture?
La risposta è semplice: fino a che si riveleranno operazioni redditizie al box office.
E anche questa, pur incassando poco rispetto agli altri film della serie, si è dimostrata un buon guadagno ( oltre 32 milioni di incasso al box office americano a fronte di un budget di 5 milioni).
E a vedere il finale non finisce mica qui....
Vade retro Oren Peli!!!

( VOTO : 3 / 10 ) 

Paranormal Activity: The Marked Ones (2014) on IMDb

12 commenti:

  1. Una vera schifezzina, ma tutto sommato, per me, innocua.
    Oren Peli vade retro comunque! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non peggio di tanti altri ma irritante lo stesso....

      Elimina
  2. Oren Peli è il male assoluto!Io mi son fermata al secondo, e questo lo passo volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da saltare a piedi pari senza patemi e sensi di colpa...

      Elimina
  3. Io il mockumentary comincio ad odiarlo, ed è stato il motivo principale che mi portò a non vedere la pellicola.
    Mi sa che ho fatto bene. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io li odio però poi non me ne faccio scappare neanche uno...ma questo è veramente terribile...

      Elimina
  4. A me mi stava provocando il vomito :D (non solo per i contenuti, ma anche per l'effetto mal di mare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh in effetti si provoca anche quello ....

      Elimina
  5. Non lo vedrò nemmeno se mi pagano!
    Oren Peli go home!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è che continua a incassare , quindi a casa non se ne va...va a cassa....ah ah ah

      Elimina
  6. MA CHE NOIA. Non si è ancora annoiato Peli? Non la trova un'altra passione su cui investire? O dobbiamo far investire lui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fino a che continua a farci soldi non si annoia no....

      Elimina