I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 9 novembre 2014

Wrong Turn 6 : Last Resort ( 2014 )

Danny, incoraggiato dalla fidanzata Toni, va con gli amici di lei in un albergo di lusso del West Virginia ereditato da un padre e una madre che non ha mai conosciuto.
Il resort è di lusso ma è chiaro che c'è qualcosa che non va quando cominciano a sparire le persone, le cui carni a insaputa di tutti finiranno nei raffinati menu del ristorante.
E i premurosi Jackson e Sally che li hanno accolti con grande gentilezza hanno qualcosa di terribile da nascondere.
Danny deve decidere se scappare da tutto questo o accettare il ritorno alla sua famiglia, cugini deformi e cannibali compresi.
La saga di Wrong Turn nell'arco di circa 11 anni ha partorito ben 6 film accreditandosi come uno degli horror brands più longevi in circolazione.
C'è poco da rallegrarsi perché dopo un apprezzabile capostipite nel 2003 poi il tutto è scivolato nell'oblio, almeno da parte mia ma anche da parte della maggior parte dei fans e il tutto per ragioni di budget è stato delocalizzato nei Paesi dell'Est, pur utilizzando capitali statunitensi oltre ad attori inglesi e americani per le parti principali.
Infatti questo Wrong Turn 6 : Last Resort anche se si fregia del marchio 20 th Century Fox che campeggia maestoso prima dei titoli di testa , per contrarre il più possibile i costi è stato girato in Bulgaria.
Ora la domanda vera è : ma perché pagare per avere una carta di credito?
No, vabbè scherzo!
Dicevo la domanda  vera è : ma perché vedersi Wrong Turn 6 : Last Resort dopo aver ignorato saltandoli a piedi pari i quattro sequel che l'hanno preceduto?
Ho provato a farmi questa domanda e darmi questa risposta come Marzullo docet ma non sono stato molto convincente.
Potrei dire che dopo aver visto The Babadook avevo bisogno di ossigenare i miei neuroni intossicati da quello che ha l'aria di essere l'horror ( e non solo ) dell'anno con un filmetto da quattro soldi girato all'aria aperta con parecchio sangue, squartamenti e anche un po' di gnocca.
Ma la verità è che è capitato e basta, incuriosito ma non troppo da pareri non così' negativi come mi sarei aspettato.
E a questo punto un'altra domanda sorge spontanea ( è l'Antonio Lubrano dentro di me che parla) : ma  che film avete visto, voi che gli avete concesso anche una sufficienza ampia a questo film ( nonostante un quantomai eloquente 4,4 su Imdb.com)?
A me sembra di averne visto un altro ma naturalmente sono l'ultimo cretino e il mio parere vale meno degli altri.
La cosa che fa un minimo di simpatia di questo film è che si vede che non ha i legacci che trattengono tanti film horror prodotti negli USA: qui si abbonda di sesso, di tette, di culi , di perversione con uno dei personaggi principali ( Sally) che è malata di voyeurismo all'ultimo stadio, tanto da dare luogo a delle scene che non avrebbero sfigurato in un porno soft ma di quelli che fanno della parodia ( oltre che della gnocca) la componente principale.
Insomma sembrano strafregarsene dei divieti come se fossero consapevoli di avere un altro mercato non dovendo passare per la sala.
Devo dire che comunque il film parte bene con due ciclisti per i boschi che prima trovano una pozza di acqua riscaldata dove fare sesso in ammollo ( con annessa mostra generosa delle grazie di lei, un vero peccato farla sparire così presto ) e un inseguimento ad alta velocità da parte di tre mostri deformi che abuseranno delle carni ( in senso letterale del termine, squartandoli) dei due.
Ma poi si scivola nel solito slasher da quattro soldi con personaggi usa e getta talmente simpatici che vorresti vederli morire nei modi più atroci dopo cinque minuti.
E si viene accontentati , più o meno, anche se gli omicidi si susseguono in modo piuttosto ordinario senza picchi di genio o di creatività.
Come un po' tutto il film, realizzato con un budget modesto ma non disprezzabile ( 1,2 milioni di dollari) e con un reparto effetti speciali discreto ma che non fa gridare la miracolo.
E anche lo stravaso ematico risulta meno abbondante di quello che ci si attendeva dopo un discreto inizio.
Insomma perché guardarlo?
Eh...proprio non lo so.
Ma se interessasse a qualcuno è in arrivo un Wrong Turn 7 per il prossimo anno....

PERCHE' SI : inizio promettente, tanto sesso, forse pure troppo
PERCHE' NO : il solito slasher da quattro soldi e ho detto tutto....

( VOTO : 4 / 10 ) 

Wrong Turn 6: Last Resort (2014) on IMDb

4 commenti:

  1. Il primo era anche decente, gli altri....beh lasicamo perdere. ;)

    RispondiElimina
  2. e mi sa che hai fatto benissimo....

    RispondiElimina
  3. Più o meno tutti uguali, cambiano solo le location e i personaggi da squartare... Solite risatine compiaciute dei mostri, solite procedure.. ma più che altro è impressionante il sadismo con cui torturano le loro vittime. Per il resto sono piuttosto ripetitivi

    RispondiElimina
  4. Il 2 e il 5 sono i migliori, il 6 sembra più un porno che un thriller

    RispondiElimina