I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 24 novembre 2014

Seria(l)mente : The Leftovers ( Stagione 1, 2014 )

Provenienza : USA
Produzione e distribuzione: Warner Bros, HBO
Episodi : 10 da 60 minuti cadauno

In un brutto 14 di ottobre scompare il 2 % della popolazione mondiale.
Così , senza ragione e senza lasciare tracce.
A occhio e croce 140 milioni di persone.
Nella piccola cittadina di Mapleton, profonda provincia americana, le perdite si aggirano attorno ai 100 elementi.
E in più c'è una specie di setta , vestita di bianco, che si rifiuta di parlare e in cui tutti fumano come ciminiere, che si aspettano l'apocalisse in capo a pochissimo tempo.
E fanno ogni giorno nuovi adepti.

In particolare nella prima stagione viene seguito la famiglia Garvey, implosa dopo quell'avvenimento.
Kevin , sceriffo, deve fronteggiare la scomparsa della moglie ( che sta nella setta di cui sopra) e la pazzia del padre. Ma ha modo di conoscere Nora , a cui è scomparsa tutta la famiglia e che ora lavora per il Governo.
Per non parlare di tutte le altre cose strane che succedono in un paese che , nonostante tutto sta cercando di ripartire.
C'era molta attesa per questo show, l'ultimo parto seriale di un signorino a cui è bastata una sola serie, Lost, per riscrivere tutta la grammatica televisiva da quel giorno in avanti.
Stiamo parlando di Damon Lindelof che prende un romanzo omonimo del per me sconosciuto Tom Perrotta e ne tira fuori un prodotto televisivo seriale carico di intrighi, misteri e suspense.
Forse addirittura troppi per poter essere metabolizzati tutti assieme.
E' inevitabile, anche se scorretto e superficiale, confrontare la scrittura e la struttura di questo The Leftovers  con il succitato Lost.
Credo che sia inevitabile perché ci sono alcuni trait d'union tra le due serie che lasciano intravedere che dietro di loro c'è la stessa mente ( bacata?) ad ideare tutto.
Entrambe hanno un'idea di base forte, fortissima , sconvolgente: il disastro aereo in Lost e la scomparsa del 2 % della popolazione mondiale in The Leftovers.
Entrambi si focalizzano su quello che succede ai superstiti e su come cercano di superare quanto successo.
Hanno un'ambientazione piuttosto chiusa, da cui si evade usando alcuni escamotages ( i flashback in Lost) e prendono in considerazione un gruppo di personaggi che risalta sugli altri.
In più trovate sghembe ( i cani che non sia che ruolo abbiano e in che cosa sono cambiati dopo quel fatidico 14 ottobre, la setta di bianco vestita) e notazioni a margine che cercano di colorare meglio la fitta ragnatela di relazioni tra i vari avvenimenti e i personaggi.
In Lost tutto questo era un meccanismo ai limiti della perfezione, quasi scandito da un metronomo, tutto cronografato in una perfetta sintesi di contenuto e forma corroborata dall'ampio respiro delle varie stagioni che alzavano sempre di più l'asticella del mistero.
Nella prima stagione di The Leftovers non succede propriamente così.
Non avendo ancora l'ampio respiro dato da più stagioni, tutto questo appare come in embrione e a riprova di questo si può notare che , dopo un pilot di pregevole fattura che introduce alla grande tutto quello che sta succedendo a Mapleton, nelle puntate successive la narrazione si incarta in vari rivoli dominati da personaggi come minimo incolori che per un po' non si capisce dove vadano a parare.
Di questo ne risente la fluidità nella fruizione della serie che a tratti diventa verbosa e farraginosa, in attesa del coup de theatre che risollevi l'attenzione.
Colpo di scena che tarda ad arrivare, anzi c'è addirittura un episodio, il nono, che riassume brevemente quello che è successo precedentemente come a tirare le fila di un racconto sfilacciato, che è possibile interpretare come una parziale ammissione di colpa di una serie che non decolla almeno fino alle ultime puntate.
E ci sono un paio di episodi, il terzo e il quarto , praticamente monografici, il primo dedicato alle gesta del reverendo interpretato dall'ex Dr Who Christopher Eccleston ( che, detto tra noi, sta invecchiando maluccio) e il secondo a Nora Durst a cui è scomparsa tutta la famiglia.
Quasi a voler mettere benzina in un motore che fa fatica a carburare correttamente anche in virtù di un protagonista, Justin Theroux , con cui è difficile empatizzare.
The Leftovers è dominato da un mistero inesplicabile e mette di fronte l'uomo, inteso come entità minima, di fronte a un universo infinito che lo sovrasta in tutto e per tutto e che lui può arrivare a capire molto parzialmente grazie alla scienza e alla fede.
Soprattutto alla fede che è l'ultima risposta quando la scienza non ne fornisce.
The Leftovers non fornisce risposte, anzi carica ancora di più il suo bastimento infittendo le domande in un ultimo episodio che lascia impotenti, basiti, di fronte a quell'ineluttabilità che forse avrà soddisfazione nelle stagioni successive.
Credo che sia quasi impossibile giudicare un prodotto come questo sulla distanza della singola stagione.
Meglio attendere.
Arrivederci al 2015.

PERCHE' SI : confezione di altissimo livello, cast all'altezza, un'idea di base fulminante
PERCHE' NO : a tratti verboso e farraginoso, sulla distanza di una sola stagione appare incompleto, praticamente ingiudicabile, troppe notazioni a margine, nessuna risposta ai misteri messi sul tavolo.

( VOTO : 6 / 10 )

 The Leftovers (2014) on IMDb

16 commenti:

  1. serie magnifica e gli dai solo 6?
    bradipo, ormai è ufficiale: sei più scandaloso di ford!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah e pazienza se sono così scandaloso....e pensa che il 6 è anche politico perché gli avrei messo anche di meno ma non sarebbe stato giusto...serie magnifica? ehm.....:)

      Elimina
  2. Mi mancano le ultime due puntate. Credo che sia una serie sulla fede (così come fu per Lost) e come tale non basteranno neanche dieci stagioni per giungere ad una soluzione finale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che giudicarla solo dalla prima stagione sia ingeneroso....

      Elimina
  3. Visto metà della prima serie. Mi piace molto. Non appena la termino (ne avessi il tempo, mannaggia!) scriverò anch'io qualcosa sicuramente. Per adesso l'idea ispiratrice mi sembra davvero potente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me gira un po' a vuoto nella parte centrale , ma inizio e fine sono notevoli...

      Elimina
  4. anche io come te non saprei giudicare. finora tutto sembra una prefazione. spero sia una prefazione! un sacco di parentesi aperte. in pratica la prima stagione l'ho guardata dicendomi: ma adesso spiega? ma dove vuole andare a parare? e ancora non l'ho capito. sono però fiduciosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si capisce dove voglia andare a parare per molte puntate....anche io aspetto con fiducia, può solo crescere...

      Elimina
  5. Sono troppo indietro sulle serie, e non ho ancora pensato neppure di recuperarla. Staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vediamo se dai ragione a me o al Cannibale....secondo me , per citarti, è una serie molto poco pane e e salame...

      Elimina
  6. l'ho odiato dal primo episodio, fatto fatica ad arrivare alla fine del secondo, nessuna curiosità per il terzo.
    I miei sospetti si sono confermati dopo aver letto un'intervista agli autori in cui confessavano di non avere ideee precise su dove andare a parare e che il loro obiettivo era solo quello di far affezionare gli spettatori ai personaggi. mavvaff

    RispondiElimina
  7. Inoltre, aggiungo, che il format dell'evento inspiegabile, dei misteri di cui alcuni sembrano "sapere" ecc. ecc. ormai non è più una novità dopo flashforward e quell'altro dove va via la corrente chen on mi ricordo nemmeno più il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai si sa che queste cose sono fatte per rendere e non per amore dell'arte,...a me l'andamento è sembrato molto lostesco con questi salti indietro , quasi si fossero accorti anche loro che altrimenti non ci si capiva una cippa....

      Elimina
  8. The Leftovers è la prova vivente del fatto che "meno capiamo, più insistiamo".
    Bella bella, ma effettivamente sì. Un c'ho capito na mazza. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diamogli la possibilità di spiegarsi meglio....

      Elimina
  9. Serie senza senso, vuota di ispirazione, idee e capacità di narrazione. Degna erede di Lost (che però all'epoca aveva almeno una confezione innovativa...)

    RispondiElimina