I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 19 ottobre 2012

Lovely Molly ( 2011 )

Molly, addetta a un grande magazzino, assieme al marito Tim , camionista, è tornata ad abitare nella casa della sua infanzia, visto che i genitori sono defunti. Ma le cose non sembrano andare nel verso giusto. Quando il marito è via per lavoro, lei avverte misteriose presenze nella casa. Cerca di ripristinare il suo equilibrio mentale con marijuana e droghe ma la situazione precipita in un abisso di paura e di ricordi. Tutto questo servirà a scoperchiare il vaso di Pandora in cui è racchiuso un passato difficile da raccontare.
Che Dio protegga la blogosfera perchè senza la recensione scritta da  Angelo di Ulteriorità Precedente ( che trovate qui) non avrei mai scoperto questo film che si è rivelato una sorpresa abbastanza piacevole.
Lovely Molly è il ritorno alla regia di Eduardo Sanchez, uno dei creatori del caso cinematografico The Blair Witch project( 1999 ), che volenti o nolenti ha creato un nuovo modo per fare horror che ancora oggi è decisamente in voga, quello con la tecnica del mockumentary o anche del found footage.
Dal punto di vista tecnico il cordone ombelicale col passato non sembra reciso del tutto in quanto anche in questa sua ultima produzione ( scritta come sempre dallo stesso regista col fido Jamie Nash) ci sono generose sezioni girate con una telecamera azionata dalla stessa protagonista che vengono sapientemente alternate a ben più consistenti parti girate in maniera più "tradizionale".
Il crescendo di paura, violenza e mistero in Lovely Molly è gestito in maniera oculata da Sanchez che su quella che sembra una normalissima storia di case infestate  inserisce tutta una serie di digressioni che contribuiscono a tenere altissima la suspense.
In realtà fino all'ultimo lo spettatore non sa se c'è uno spirito nella casa, se Molly è traumatizzata da un pregresso familiare che sta riaffiorando una volta rientrati nella casa oppure che sia semplicemente tutto frutto del suo alterato equilibrio mentale.
Una delle ultime sequenze in questo senso è piuttosto esplicativa, forse troppo, perchè in questi casi a volte è meglio rimanere col dubbio e non spiegare troppe cose.
Lovely Molly è una visione abbastanza piacevole, non sconvolgente dal punto di vista dell'originalità e con qualche snodo narrativo condotto in maniera piuttosto meccanica ( soprattutto nell'ultima parte) ma assolve perfettamente al suo compito di intrattenimento non troppo becero.
Sanchez è bravo a creare un'atmosfera malsana che si respira nelle mura di una casa che ad ogni sequenza si rivela più soffocante per chi la abita.
La piacevolezza della visione di questo film non può prescindere dalla bravura della protagonista, Gretchen Lodge, una semiesordiente che si immola anima e corpo a dare vita a un personaggio difficile perchè col passare dei minuti oltre che mentalmente sembra deteriorarsi anche fisicamente , un po' come il piatto di carne nel polanskiano Repulsion.
Ancora una volta l'orrore nasce nella profonda provincia americana, ancora una volta in una classe sociale costretta a lottare ogni giorno per guadagnare la pagnotta, ancora una volta l'orrore nasce all'interno del contesto familiare. Sia presente che passato.
Il filo conduttore è tenuto costantemente in bilico tra la vita presente con l'anodino Tim, avara di particolari soddisfazioni e la narrazione di un passato familiare impossibile da raccontare che viene fatta attraverso i dialoghi tra le due sorelle.
Pur in assenza di spiegoni trituranti, il  finale è comunque tenuto aperto nel solco dei legami familiari.

( VOTO : 6,5 / 10 )

Lovely Molly (2011) on IMDb

11 commenti:

  1. L'ho visto giusto poco tempo fa e anch'io ho la rece in cantiere. A me è piaciuto molto, proprio per la sua atmosfera malsana e per lo sviluppo che poco o nulla ha a che fare con quanto sembra promettere all'inizio. Ho trovato inoltre molto interessante l'uso di simbolismi e stranezze varie che poi rimangono avvolte nel mistero (il cervo, per esempio), elemento che aggiunge valore all'orrore generale. :)

    Ieri sera invece ho visto il film precedente di Sanchez, Seventh Moon, promosso anche quello seppur piuttosto classico e semplicistico. :)

    RispondiElimina
  2. anche a me è piaciuto , lei è molto brava...Seventh Moon non l'ho visto...comunque anche quello mi sembra trattato male da imdb...

    RispondiElimina
  3. diciamo che lo recupero e nel frattempo ci penso.
    su questo film sono in un amletico limbo, "vederlo o non vederlo, questo è il problema"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è ampiamente vedibile...

      Elimina
  4. bradipo, mi sembra che stai guardando molti film che giudichi inguardabili.
    per contratto o per masochismo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh hai ragione...diciamo che su certi ci inciampo involontariamente altri invece me li vado proprio a cercare...anche perchè secondo me per riconoscere il bello devi avere presente anche come è il brutto....

      Elimina
  5. Secondo voi ci sarà un seguito o c'è già un seguito??

    RispondiElimina
  6. attrice brava, ma film pessimo secondo me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah sei sempre il solito cattivone!!!:) secondo me il film non è così male, certo cede nel finale...

      Elimina
  7. ma noooo dai, in realtà invece tendo sempre a farmi piacere la maggior parte dei film che vedo, ma questo era brutto forte

    RispondiElimina