I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 25 ottobre 2012

Revanche ( 2008 )

Alex  ex galeotto innamorato di Irina,una prostituta ucraina  non sopporta più di vedere la donna umiliata dal pappone del bordello in cui lavora. Decidono  di fuggire insieme dopo avere rapinato una banca con una pistola scarica. Un poliziotto che si trovava nei pressi durante la rapina spara e uccide accidentalmente la donna. Distrutto dal dolore, Alex trova riparo presso la casa in campagna del padre, spacca legna fino a che il desiderio di vendetta esplode quando il caso lo mette davanti alla moglie del poliziotto .
Un flusso geometrico di immagini a tessere i fili di un anima alla spasmodica ricerca di vendetta.
E'questo Revanche,un noir esistenziale che si trasforma in un reiterato gioco di specchi (dal confronto tra Alex e il poliziotto alla fotografia di Irina) , un sinuoso percorso obbligato tra azione e (forse) reazione che non trova la sua completezza. Tutti i personaggi di questo film hanno comunque qualcosa da nascondere, veramente poco agevole distinguere tra giusto e sbagliato. Qui sopravvive chi sbaglia di meno e comunque l'incertezza aleggia sovrana.
Dalla periferia equivoca di Vienna, dentro e fuori di un bordello, facendo gimkane tra proposte più che indecenti, Alex ed Irina fuggono per cercare di dare corpo ai loro sogni.
Il mezzo è una rapina ma tutto va per il verso sbagliato. Alex si ritrova solo e se ne va in campagna dal padre.Qui prende forma il suo desiderio di vendetta soprattutto perchè la ragnatela del destino gli permette di essere molto vicino all'oggetto di quella che può essere la sua rivalsa.
E da qui Spielmann continua a lavorare di cesello su suggestioni, desideri e aspirazioni del pugno di personaggi al centro del film.
Lasciando tutto in sospeso.
Dalla periferia disumanizzata della grande città all'atmosfera paesana bucolica che si respira attraverso la natura nella casa del padre di Alex il passaggio sembra breve. In realtà sembrano due universi troppo distanti per far parte dello stesso pianeta. La routine quotidiana di Alex che nel bordello quasi lo soffocava qua diventa occasione per pensare, per cercare di elaborare il suo lutto, per far ardere ancora di più il suo desiderio di rivalsa. 
E di occasioni ne ha....ma il destino sa essere bizzarro...e non dico altro.
Il rigore della messa in scena è assoluto, i movimenti della macchina da presa sono minimi, tesi a conservare la geometria dell'inquadratura. Un rigore stilistico così assoluto che per certi versi fa correre la memoria a Dreyer (sperando di non bestemmiare), caratterizzato da un uso continuo del piano sequenza lasciando all'immaginazione alcuni avvenimenti con la macchina fissa a inquadrare altro (la sequenza ripetuta per due volte della macchina da presa che prosegue nel suo andamento in avanti nonostante l'azione si sposti fuori campo).
Altri rimandi più immediati sono Haneke o anche il noir europeo, francese in particolar modo. 
Il gelo all'interno dei personaggi diventa paradigma della cristallizzazione della messa in scena raggelata e raggelante in un continuo susseguirsi di increspature d'animo. Revanche fa domande ma non dà risposte,è un film in cui certi gesti perdono del tutto il loro significato, se si cerca la vendetta solo per aspirare alla catarsi, beh allora è tutto sbagliato perchè da un simile gesto non potrà mai venire una sorta di soddisfazione.
Revanche è film da vedere e poi da rielaborare con calma, bisogna lasciarlo sedimentare per cercare di cogliere tutto quello che ci propone.
E non è sicuramente poco.

( VOTO : 7,5 / 10 )  Revanche (2008) on IMDb

10 commenti:

  1. Sono anni che mi aspetta nell'hard disk, ma sono sempre stato in bilico tra i pareri estremamente positivi e quelli estremamente negativi che ho letto.
    A questo punto mi sa che dovrò decidermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo non è un film per tutti ma a me è piaciuto molto...

      Elimina
  2. non mi era piaciuto.
    troppo noioso e poi mi era sembrato un haneke di serie B...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il ritmo è abbastanza compassato ma secondo me è ben più di un Haneke di serie B, anche se non innegabili alcune analogie...

      Elimina
  3. me lo devo sparare prima o poi ;)

    RispondiElimina
  4. secondo me è bello come film, mi ha dato una buonissima impressione...

    RispondiElimina
  5. pure io ce l'ho in attesa da una vita... chissà se prima o poi

    RispondiElimina
  6. eh eh non so se ti possa piacere ammettendo che ho cominciato a conoscere un po' i tuoi gusti....

    RispondiElimina
  7. Gran bel film REVANCHE mi è piaciuto parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scoperto per caso a una rassegna e devo dire che ho pescato proprio bene...

      Elimina