I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 22 settembre 2013

I migliori film dai miei anni in poi....# 1

Da un'idea del blogger più spiccio del web, Frank Manila, che ha voluto che gli facessimo questo regaluccio di compleanno, ecco un post antologico per sfruculiare nei gusti cinematografici e nelle memorie soprattutto di quelli un po' più vecchietti come il sottoscritto.
Il primo motore è stato il regalo da fare all'amico Frank, ma poi tutto questo viaggio a ritroso ho pensato fosse un'ottima occasione per stabilire qualche punto fermo nel cinema che preferisco e parlare brevemente di alcuni film che probabilmente non recensirò mai sul blog...
Premetto che odio le classifiche e mi scuso anticipatamente per le dimenticanze che sicuramente avrò.
Visto che gli anni cominciano a essere tantini ho deciso di fare un post a puntate...se possibile a cadenza domenicale...Spero gradirete. SI COMINCIA!!!

                                                            1968 : LA SPOSA IN NERO

Il 1968 è l'anno di tanti film fondamentali per la mia formazione da appassionato: è l'anno di 2001 :Odissea nello spazio, uno spartiacque nel cinema di fantascienza, un film da vedere e rivedere, è l'anno di Rosemary's baby, uno dei capolavori di Polanski, film che amo follemente, è l'anno di Hollywood party, il mio antidepressivo preferito, ogni volta che sto un po' giù metto il dvd nel lettore e premo play per dimenticare la giornata più ricca di downs rispetto agli ups, ma il mio cuore batte per questo film di Truffaut, un archetipo del revenge movie che si muove su coordinate hitchcockiane con una Moreau veramente memorabile. Thriller si , ma mediato dall'immensa sensibilità di Truffaut che racconta a suo modo un amore andato male....




1969: NON SI UCCIDONO COSI'ANCHE I CAVALLI?


Anche qui esclusioni eccellenti, probabilmente nella bibbia del cinefilo non ci sarebbe gara tra giganti come Il mucchio selvaggio o C'era una volta il west , Butch Cassidy oppure anche Dillinger è morto, per me uno dei capolavori della cinematografia italiana ma le scelte si fanno col cuore e il cuore mi indica il film di Pollack, un racconto straziante di un periodo buio della storia americana. Narra  in termini quasi grotteschi di come per molti il Sogno Americano si tramuti in incubo. Claustrofobico e asfissiante, non dimenticherò mai lo sguardo di Sarrazin nè l'energia di una Jane Fonda nel fiore degli anni. Film indimenticabile.
1970 : LA FIGLIA DI RYAN
 Qui il cuore conta più di ogni altro fattore nella mia scelta: il film di Lean è ben infisso tra le fibre muscolari del mio cuoricino e da un po' di anni a questa parte lo è ancora di più perchè io su quella spiaggia dove c'è la scena clou del film ( l'incontro tra i due amanti , tra sogno e realtà con Gregory Peck che sbircia da dietro una roccia e fissa muto con rassegnazione le orme sulla sabbia) ci sono stato. Ci ho passeggiato, ne ho respirato l'aria, ho sentito l'odore dell'Oceano che mi ha quasi lambito i piedi. Difficile per me escludere dal posto più alto del podio film che ritengo veri e propri capolavori ( tra tanti altri di quell'anno) come Piccolo grande uomo, film per me legato a ricordi straordinari ( uno dei film preferiti di mio padre, colui che mi ha contagiato con la sua passione per il cinema) o Cane di paglia, forse il mio film preferito di Peckinpah, film che in tanti anni non è invecchiato nemmeno di mezzo secondo....Come è dura fare queste classifiche...


1971: ARANCIA MECCANICA


Qui quello che dicono cuore e cervello quasi coincidono. Dico quasi perchè un angolino nel mio cuore è dedicato a un film delicato e terribile come Il commissario Pellissier di Sautet, uno dei registi che amo di più , un altro angolino è consacrato a L'ultimo spettacolo di Bogdanovich, ritratto spietato di una provincia americana senza futuro ( di cui abbiamo parlato nel blog, esattamente qui ) e non posso dimenticare altri pesi massimi come Il braccio violento della legge o Duel ma Arancia Meccanica è qualcosa che trascende il cinema , è arte tout court e non solo cinema, un qualcosa da vedere e rivedere come stessimo in un museo. Ha segnato un epoca ed è ancora sorprendentemente attuale, perchè l'arte vera non risente del passare degli anni...



1972. SOLARIS
Alcuni lo datano al 1971, altri, tra cui imdb.com, credo la bibbia più autorevole a cui appoggiarsi, lo mettono nel 1972. Meglio così altrimenti non avrei saputo scegliere tra il film di Tarkovskij, uno dei più grandi registi mai apparsi su questo misero pianeta, e quello di Kubrick, idem con patate. Due registi inarrivabili, due film inarrivabili ( come tanti altri partoriti dalle loro menti e dalle loro cineprese) con l'avvertenza di vedere Solaris nella versione originale con circa 40 minuti in più rispetto alla versione tagliata, è il caso di dirlo anche se mutilata rende meglio l'idea dello scempio perpetrato  per il mercato occidentale. Frettolosamente catalogato da certa critica superficiale come la risposta russa a 2001 Odissea nello spazio, in realtà Solaris è qualcosa di altro, di oltre oserei dire. Un film che mi fa relegare in posizioni arretrate film capolavoro come Il padrino di Coppola o Ultimo tango a Parigi di Bertolucci, due opere che , per inciso, amo alla follia e rivedrei in ogni istante.



1973 : THE WICKER MAN
Se c'è un film  che risponde perfettamente alla definizione di cult ebbene questo è The Wicker man, film di un misconosciuto regista poco attivo al cinema,Robin Hardy, e che mi ha regalato emozioni indescrivibili con questo piccolo film , tardissimo prodotto Hammer che è circondato da un'aura di leggenda. Non credo che sia neanche mai stato doppiato in italiano. Evitare il loffio remake americano con Cage e anche l'autoremake/ sequel del 2010, The wicker tree di cui abbiamo parlato qui ad opera di un Robin Hardy ultraottuagenario. In posizioni di rincalzo assolute leggende come L'esorcista, Paper Moon ( un ricordo di infanzia ancora forte) o Effetto notte. Una menzione particolare per un altro cultissimo di quell'anno che amo alla follia : Oscar Insanguinato con un Vincent Price smisurato, non ho altri termini per definirlo...



1974 : FRANKENSTEIN JUNIOR
Anche qui ci troviamo di fronte a una vera e propria leggenda. Non potrei definire altrimenti un film che parte come parodia e fa diventare parodia di se stesso l'originale perchè entrato talmente in profondità nell'immaginario collettivo da estrometterne un'originale assolutamente mitico. Cinema popolare, quello di Mel Brooks che diventa arte . E pensare che il 1974 è l'anno di un film da cineteca come Il padrino parte 2 , Professione reporter ( recensione qui) o C'eravamo tanto amati ( di cui ho parlato qua ), assoluti pesi massimi nelle mie preferenze.
Ma Frankenstein Junior non si tocca, forse è uno dei film che ho visto più volte e qualche anno fa ho avuto anche la fortuna di vederlo al cinema in una rassegna.

Ecco , credo che per oggi vi ho procurato abbastanza tedio addentrandomi nel labirinto dei miei millemila film preferiti....A  domenica prossima....

23 commenti:

  1. Che monello!!!... intanto sei avvantaggiato perché io c'avrei una decina d'anni in più da spulciare, se poi penso che solo in partenza, nel lontanissimo 1959, non saprei assolutamente scegliere tra I quattrocento colpi, Operazione sottoveste e Pickpocket (anzi, lo so - ed anche tu.. eh eh - ma non te lo dirò mai..), capisci che l'impresa è improba... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh tu ci devi fare un'enciclopedia!!!! tra i tre che citi il cervello mi dice Truffaut ma il cuore mi dice Operazione sottoveste tutta la vita....

      Elimina
  2. oh, bravo, l'hai fatto!
    sai che sul 1969 ci ho pensato un attimo se scegliere il "tuo" film oppure il mucchio selvaggio? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine son sfumature, anche io avrei potuto scegliere Il mucchio selvaggio....

      Elimina
  3. Questa prima tornata è una bomba. Scelte tostissime. Grande Wickerman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che anche le successive puntate siano esplosive come questa....

      Elimina
  4. Bellissimo Solaris, ma anche gli altri. La figlia di Ryan non l'ho mai visto. Vedrò di colmare questa lacuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La figlia di Ryan si è portato via un pezzetto del mio cuore...Vedillo !!! ( imperativo!)

      Elimina
  5. L'idea di farla a puntate è decisamente migliore! Nonostante avessi meno anni da coprire, è stata un'odissea la mia... Mi vergogno poi a dire che qualche titolo qui già mi manca, mentre altri sono capolavori indiscussi che non possono mancare in classifica!
    Ben fatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visti gli anni da coprire è stata praticamente una necessità...:)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Grazie ! Anche doppio visto il messaggio doppio!!!!

      Elimina
  7. Fin'ora direi che siamo su altissimi livelli. Curiosissimo di leggere la prossima puntata.

    RispondiElimina
  8. questa è stata la parte più facile....

    RispondiElimina
  9. Sei partito col botto! Non vedo l'ora di leggere il seguito :D
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io!!! ah ah ah ...credo che avrò grosse crisi di identità...

      Elimina
  10. mi sembra un'ottima idea spezzare, per noi che ormai abbiamo una certa età :) ti ruberò l'idea

    RispondiElimina
  11. ah, chapeau per le scelte. mi mancano Ryan e Wicker man, soprattutto il secondo mi ispira parecchio

    RispondiElimina
  12. eh eh grazie!!! La figlia di Ryan e The wicker man sono due miei ammmmori cinematografici di lungo corso....

    RispondiElimina
  13. Ottime scelte! Aspetto l'appuntamento di domani :)

    RispondiElimina
  14. Grazie!!! stamane ho pubblicato la seconda puntata...

    RispondiElimina
  15. grandi film, alcuni non li ho visti, ma cercherò di recuperare :)

    RispondiElimina