I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

sabato 2 gennaio 2016

Top of the tops. La mia horror list del 2015

Lo so che è un po' che sono assente ma , in attesa di tempi migliori , non potevo certo esimervi dal compilare una di quelle pallosissime classifiche di fine anno che trovate ovunque in questo periodo.
Quest'anno un po' in tono minore perché se è vero che normalmente queste liste sono incomplete per definizione , beh , questa è più incompleta del solito.
Parlerò di film visti nel 2015 quindi è inevitabile che dentro ci finisca anche roba del 2014 che qui da noi arriva con solito eone di ritardo.
Bando alle ciance e cominciamo.

10) WHEN ANIMALS DREAM
Un piccolo film danese che coniuga un'ambientazione nordica da urlo , l'horror e il genere del coming of age. In ogni caso un piccolo gioiellino a cui fare molta attenzione.
Probabilmente l'horror non è neanche il genere a cui guarda Amby, perché in realtà When Animals Dream ( titolo che occhieggia a Philip K Dick) è da considerare più che altro un romanzo di formazione.
O meglio di deformazione , la giovane Marie sta andando incontro a modificazioni del suo corpo indipendenti dalla sua volontà e scopre che , suo malgrado, c'è qualcosa di misterioso che la lega alla malattia della madre.


9) MUSARANAS

L'orrore stavolta vien dalla Spagna franchista ed è racchiuso in quattro mura domestiche.Musarañas  ( toporagno ) è il film d'esordio di due giovani registi, Juanfer Andres ed Esteban Roel, anche cosceneggiatori, ed è stato prodotto da Alex de la Iglesia con la sua neonata casa di produzione deputata alla scoperta di nuovi talenti, la Pokeepsie Films.Se Juanfer Andres ed Esteban Roel sono la mente, Macarena Gomez è un braccio perfetto, già il solo vederla con quegli spilloni che in mano sua possono diventare un'arma mortale ( un'arma molto hitchcockiana a dire il vero), fa correre neri brividi lungo la schiena.
E la seconda parte del film  è un lungo gioco al massacro che coinvolge in primis il rapporto tra le due sorelle, enigmatico fin dall'inizio.


8) GOODNIGHT MOMMY

Austria , credo che basti solo la parola.Goodnight Mommy è l'esordio nel lungometraggio di fiction di
Veronika Franz ( moglie di Ulrich Seidl e sceneggiatrice di alcuni suoi film) e di Severin Fiala.Quello che salta all'occhio è anche il debito estetico che il film paga a uno dei film di Almodovar più criticati degli ultimi anni, La pelle che abito, a sua volta ispirato ai melodrammi fiammeggianti di Sirk, alle storie d'amore asfissiante alla Fassbinder, ma soprattutto a quella maschera immota, dagli occhi sempre mobili e dall'aspetto inquietante che era il punto focale di un magnifico film di Georges Franju, Occhi senza volto , che riesce ancora a sorprendere e terrorizzare a più di cinquanta anni di distanza.E' un film dalla superficie patinata, dai contrasti accesi ( i colori neutri dell'interno casa che sembrano la cartina di tornasole attraverso cui guardare la vegetazione lussureggiante che c'è intorno casa , ingentilita dai caldi colori dell'estate) , dal cromatismo studiato nei minimi termini ( vedere per credere l'abbinamento dei vestiti dei gemelli) che poi nel finale lascia vedere allo spettatore quell'abisso che aveva solamente intravisto tra le righe, tra le pieghe di una narrazione avara di dialoghi ma ricca lo stesso di sfumature.

7) WE ARE STILL HERE

Un tuffo nel vintage horror di quelli che ti scaldano il cuore.Ambientato nel 1979 , We Are Still Here mette subito in chiaro il suo gioco: casa infestata , fantasmi, difficile elaborazione del lutto,una comunità chiusa che dietro l'apparente simpatia mostra segni di ostilità senza preoccuparsi di nasconderli,  un'ambientazione innevata, immacolata che aspetta solo di essere colorata col rosso del sangue.We Are Still Here dimostra ancora una volta che si possa fare del bel cinema di genere pur lavorando su un canovaccio consunto.
Merito di una regia che scandisce i tempi come un metronomo, merito di una recitazione più che all'altezza, cosa non scontata per il genere.

6) DEAD SNOW 2 : RED VS DEAD

Una bomba assoluta che va ben oltre il primo film della serie: raramente ho visto un helzapoppin horror così divertente, autoironico e trascinante.In questo sequel è tutto amplificato, l'esperienza multisensoriale (
il piacere per occhi, orecchie e stomaco , per chi ce l'ha foderato di cemento armato) è rafforzata in un film in cui il budget è nettamente superiore al primo ma è solo un decimo rispetto al film girato in quel di Hollywood ( siamo sui cinque milioni di euro più o meno, ridicolo per gli standard americani ma più che adeguato per quelli europei e stratosferico per il cinema norvegese).
Le citazioni raimiane si sprecano ( e il gioco divertente sta proprio nell'individuarle) in una pellicola che è girata soprattutto in esterni e si permette numerose sequenze di massa con zombie e senza l'aiuto della computer grafica: sono zombie veri, in carne putrida e ossa decomposte e si menano come ossessi con qualsiasi oggetto a loro disposizione.


5 ) WHAT WE DO IN THE SHADOWS

Ancora una volta i neozelandesi dimostrano di stare mediamente male e lo fanno di un film che si prende allegramente gioco di tutti i topoi dei film di vampiri e dei mockumentaries.What We Do in the Shadows è una fucina continua di trovate comiche che ogni volta sorprende per il suo situarsi continuamente tra i clichè horror ( tutta l'iconografia vampiresca è presente e c'è anche copioso sangue che zampilla da carotidi e giugulari) e la comicità che arriva al demenziale puro.
.Effetti speciali volutamente artigianali con sporadiche apparizioni della computer grafica danno al film un look vintage assai accattivante e che si adatta perfettamente all'età degli occupanti della casa.
L'utilizzo della tecnica del mockumentary non è sinonimo di economia realizzativa oppure di un aspetto della pellicola impreciso e trasandato, in realtà la confezione è scintillante, non da mockumentary, diciamo che la presenza dei documentaristi permette ai protagonisti di ammiccare alla macchina da presa per avere un contatto più diretto col pubblico.
E' un espediente narrativo usato brillantemente.


4) SPRING 

Amore e horror su uno sfondo incontaminato di Puglia. E per una volta noi italiani non siamo visti solo come pizza e mandolino.L'interrogativo che sta alla base del film è sempre il solito: si può fare veramente tutto per amore?
Una questione non da film horror ma più da melodramma ed effettivamente nell'ultima parte del film, quella in cui l'orrore dovrebbe venire finalmente fuori secondo tutti gli stilemi del genere, Benson e Moorhead abbandonano la via maestra per raccontare altro.Spring è comunque un film importante, un horror che vuole parlare di sentimenti senza per questo essere sciocco e stucchevole , anzi con quella intrigante ambizione di raccontare una di quelle storie larger than life che qui a bottega piacciono tanto.
E' bella la storia d'amore tra Evan e Louise, è raccontata in modo splendido ed incorniciata ottimamente su uno sfondo da favola.

3) IT FOLLOWS

Uno dei titoli più sorprendenti dell'anno in quanto a stile e contenuti.
David Robert Mitchell guarda esteticamente indietro agli anni '80, regala cospicui riferimenti allo slasher degli anni che furono, rifiuta in toto l'estetica preconfezionata dell'horror moderno, plasticoso e troppo ricco di computer grafica per essere realmente terrorizzante.
Anzi , dirò di più : in alcune sequenze ( vedi quelle della piscina o quella della fuga dalla battigia) si ha l'impressione che il nostro non voglia calcare la mano fino in fondo.Vuole suggerire orrore, non vuole mostrarlo ma anche nella suggestione è come se ponesse un freno.

2) A GIRL WALKS HOME ALONE AT NIGHT 

Può esistere una simulazione di film di vampiri iraniano realizzato interamente negli USA?
Esiste, esiste.
A Girl Walks Home Alone at Night è un film che è riduttivo definire horror.
Girato in un bianco e nero molto contrastato, parecchio stiloso, stracolmo di citazioni intelligenti e mai pedanti , è una storia d'amore in cui il vampirismo è parte fondamentale ma viene raccontato cercando di sottolineare la sua aura romantica e decadente più che la carica orrorifica , di tensione e di
paura.Amy Lily Amipour è regista cinefila e si vede, come si vede dalle sue foto che si specchia nella protagonista, Sheila Vand, bella ma di una bellezza intensa e sfuggente, ragazza emancipata , molto hipster che però non rinuncia al suo chador quando nella notte si aggira per le vie deserte della città alla ricerca di prede.E poi vedere un vampiro donna con lo chador e che usa lo skateboard è qualcosa di veramente mai visto.

1) THE FINAL GIRLS

Per me l'horror dell'anno in termini di linguaggio cinematografico e stile.Andando ad esaminare i credits del film non si può non rimanere sorpresi: e chi si aspetta un gioiello di metacinema di siffatta bellezza dalle menti di due sceneggiatori praticamente esordienti ( Fortin e Joshua Miller ma costui è stato attore con un discreto curriculum) e da un regista, Todd Strauss-Schulson, molto attivo in tv, con molti corti nella sua carriera e pochissimo cinema?
The Final Girls prende spunto, linfa vitale da questo per mettere in campo tutta la sua genialità.
Cita palesemente uno degli slasher più famosi della storia del cinema, ogni riferimento in questo film a Venerdì 13 è puramente voluto, lo disseziona vorticosamente ma non come farebbe l'allegro chirurgo in un gioco da tavolo, ma proprio come un anatomo patologo attento a studiare il suo reperto, a rispettarlo profondamente  non rovinando nulla e consegna al pubblico un piccolo The Final Girls un film vincente sotto tutti i punti di vista è la sua ironia, o meglio la sua autoironia.
capolavoro di cinema nel cinema.Altra cosa che rende
Siamo nel metacinema puro ma non ci prendiamo affatto sul serio si ride e non ci sono spiegoni trituranti.
E usciamo di scene sulle note di Bette Davis Eyes.
Chiusura perfetta.


Chiusura perfetta anche per questa classifica.
A presto, folks!!!

20 commenti:

  1. Avrei giusto invertito It Follows e The Final Girls, non prendendo in considerazione il film iraniano che è bello, ma forse on abbastanza per me... Gli altri: Spring l'ho segnato da tempo, forse un giorno troverò la voglia di vederlo; Dead Snow 2 è un capolavoro, l'horror più divertente degli ultimi anni, l'ho visto nel 2014 però; Musaranas pure molto molto bello. Degli altri mi segno We are Still Here che sembra meritare molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine direi che siamo d'accordo quasi su tutto...meglio così:)

      Elimina
  2. Ho visto solo Spring tra questi e mi è piaciuto parecchio, gli altri vedrò di recuperarli!

    RispondiElimina
  3. bello!Mi manca solo musaranas e il film danese, avrei messo It follows per primo e inserito pure Babadook :-) Mi è piaciuto molto anche the harvest!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. the harvest me lo segno subito...Babadook l'ho visto l'anno scorso ed è stato il top dell'anno scorso...

      Elimina
  4. Ciao Bradipo,

    Sono un tuo attento lettore, a proposito, spero tu possa tornare al più presto possibile a parlare di cinema quotidianamente come facevi un tempo, mi mancano i tuoi post interessanti e sempre "sul pezzo" o quando scrivi di pellicole misconosciute, ho attuato tanti recuperi grazie alle tue rece ;)

    Sono un cinefilo e appassionato di cinema ma di questa classifica ti confesso che non ho visto niente, It Follows sapendo che esce a Luglio al cinema attendo, potrei recuperare Spring, che lo credevo un horror molto più melodrammatico ma dalle tue parole credo che non lo sia, ma anzi credo sia piuttosto fine ed intelligente e ovviamente The Final Girls, pellicola che da come ho letto in giro assomiglia a grandi linee a quel gioiellino che fù Cabin In The Woods :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cia Revu, piacere di conoscerti...spero di tornare presto...non so se ce la farò ai ritmi di prima però ci provo...the final girls è molto molto intelligente...

      Elimina
  5. Bentornato Bradipo...purtroppo visto neanche uno di questi, almeno non ancora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Pietro...dai, allora mettiti al recupero...ne vale la pena!!

      Elimina
  6. Di quelli che ho visto, solo It Follows proprio non mi è piaciuto. Sai già. Buon anno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh buon 2015...ah no, siamo nel 2016!!!

      Elimina
  7. Per me It Follows davanti a tutti, però anche The Final Girls è un'ottima scelta. Molto teen e molto cannibale. :)
    Diversi degli altri devo ancora recuperarli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quest'anno sei diventato più orrorofilo o è il tasso di gnocca che ti spinge ad apprezzare il genere ?:)

      Elimina
  8. Tra quelli che ho visto dei tuoi 10, Musaranas è quello che ho preferito.
    WHAT WE DO IN THE SHADOWS invece non l'ho proprio retto: mi attirava per l'idea originale e sdrammatizzante, ma dopo mezz'ora i personaggi già non li sopportavo più, mi sarei offerto per piantargli un paletto nel cuore a tutti quanti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me è un gioiellino il film neozelandese...mi ha divertito dal primo all'ultimo minuto...

      Elimina
  9. prima di tutto buon Anno e ben tornato. a parte it followa che proprio non mi è piaciuto bel listone fatto di film
    per la
    maggior parte da recuperare purtroppo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Beatrix, contraccambio gli auguri e speriamo di tornare più in forze...

      Elimina
  10. Ne ho visti solo due, ma entrambi nel tuo podio ;)

    E due li ho ne La Promessa 2016, li vedrò per forza (Musaranas e Goodnight Mommy)

    e un altro paio non li conoscevo e li ho segnati

    ottimo post Emidio

    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Caden, ho un sacco di tuoi post da recuperare...

      Elimina