I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 28 giugno 2013

Orphan ( 2009 )

Kate e John stanno cercando di ricostruire faticosamente il loro matrimonio messo a dura prova da un aborto doloroso e da altre vicissitudini che partono dall'alcolismo di lei e da un tradimento da parte di lui.Vorrebbero avere un' altra figlia ma ormai lei è isterectomizzata per cui decidono di adottarne uno e la scelta ricade su Esther, nove anni, bei modi e una storia dolorosa alle spalle. Cominciano subito i problemi perchè i figli naturali della coppia le sono apertamente ostili e dopo un po' anche Kate si accorge della vera natura di Esther, crudele e manipolatrice. Avvengono strani incidenti e al centro c'è sempre Esther. C'è qualcosa che non va in lei e Kate si mette in testa di scoprire cosa anche a costo del suo matrimonio che oramai sta andando a rotoli....
In principio fu L'innocenza del diavolo , pellicola in cui un visetto che era stato considerato angelico da milioni e milioni di fans si trasformava nel volto di uno spietato assassino bambino. Quel volto apparteneva a Macaulay Culkin, star di parecchio cinema per bambini o per famiglie di inizi anni '90.
I riferimenti di Orphan a tale pellicola sono abbastanza palesi ma qui c'è differenza che l'attrice che interpreta Esther, Isabelle Fuhrman appare subito inquietante con la sua aria vintage e i suoi vestiti clamorosamente fuori moda.
Quindi sotto questo profilo sappiamo subito che cosa aspettarci e del resto il regista Jaume Collet Serra, un passato glorioso a girare spot televisivi, non punta sull'effetto sorpresa. Anzi, fa vedere subito di che pasta è fatta Esther e di come prevarica i fratellastri a cui mostra subito il suo volto feroce.
Il problema sono gli adulti che capiscono poco e tardi quello che sta succedendo: Kate quando ha sentore di qualcosa si impegna in uno scontro frontale col piccolo demonio, mentre John è come soggiogato dalla bambina e la sua dabbenaggine deciderà il suo destino.
Orphan è girato con uno stile senza troppi compromessi: procede per accumulo di situazioni , tira sciabolate piuttosto che lavorare di fioretto su paure e suggestioni, lascia poco o nulla all'immaginazione.
Sembra un thriller dalle venature horror piuttosto canonico ma tutti i trucchi che il regista usa per amplificare la suspense ( musiche, cigolii e gli altri rumori strani che possono popolare una casa di notte) rappresentano il diapason a cui accordare la benevolenza di uno spettatore che non sta vedendo nulla di nuovo ma quello che sta vedendo gli piace e lo appassiona.
In più c'è un colpo di scena finale che è una bella sorpresa, twist che naturalmente non starò qui a svelare.
La regia di Jaume Collet Serra è talmente brillante che permette di sorvolare  evidenti cadute di sceneggiatura: per esempio non convince l'effetto bomba atomica che ha avuto su John e Kate l'aborto della terza figlia ( la terza, non la prima!) , è piuttosto lacunosa la descrizione delle dinamiche tra i due adulti della vicenda e poi meglio sorvolare anche su alcune battute (che sembrano scritte per Stephen Seagal) che vengono pronunciate nella lotta all'ultimo sangue che caratterizza il finale.
Pure se è ambientato in un inverno freddissimo e nevosissimo è uno di quei thriller horror  che possono allietare l'afa di questa stagione.
Nulla di strabiliante ma degnissimo di una visione a neuroni spenti.

( VOTO : 6,5 / 10 ) 


Orphan (2009) on IMDb

16 commenti:

  1. Una mia amica spoilerò il finale l'anno scorso. Sto facendo passare del tempo prima di guardare il DVD nella speranza che il ricordo scompaia definitivamente ma prima o poi lo recupero, che diamine!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah mi sa che è difficile che scompaia uno spoiler così...la bradipa l'aveva già visto ed era l'unica cosa che ricordava...

      Elimina
  2. Passo. Lessi anche io il finale da qualche parte e...anche no grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai, coi bacarospetti a letto anche si :)

      Elimina
  3. A me piacque abbastanza, sarei anche per il sette :) bello il finale, peccato per chi ha avuto la sfortuna dello spoiler, a me capitò con Shutter Island :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che il twist finale sia la cosa migliore del film...

      Elimina
  4. Mi hai messo curiosità di rivederlo, perchè all'epoca della sua uscita non mi era dispiaciuto affatto. La svolta conclusiva non è niente male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto rivangare 'sta roba è veramente salutare...

      Elimina
  5. solo 6,5 a sto filmone???

    Per me è favoloso, il miglior film del filone bimbi cattivi dopo L'innocenza del diavolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai, è bellino ma più di sei e mezzo non mi sono sentito di dare...

      Elimina
  6. Per me film che parte bene ma poi si perde completamente fino ad un finale ridicolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il twist finale è ottimamente orchestrato, la lotta in mezzo alla neve e all'acqua sembra la rivincita di Cape Fear...

      Elimina
  7. Ricordo che lo trovai ben realizzato, e il colpo di scena finale mi lasciò a bocca aperta. Collet Serra, del resto, mi era piaciuto anche nel suo La maschera di cera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maschera di cera non era dispiaciuto neanche a me ...ma Serra ha fatto anche una porcata assoluta come Goal 2-Vivere per un sogno...

      Elimina
  8. A me non era piaciuto per niente, ricordo il gran vaffa che mi partì alla fine! Ma la piccola Ester brava sul serio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la bimba è veramente inquietante, il film è bellino,dai!

      Elimina