I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 9 giugno 2013

Bronson ( 2008 )

Nel 1974 il poco più che adolescente Michael Peterson ha un sogno nel cassetto: vuol diventare una celebrità. Ma sceglie di entrare nella storia con il modo sbagliato: una rapina in banca che gli frutta solo una condanna a 7 anni di prigione. E chiuso nelle patrie galere gli succede anche di peggio: vittima della sua personalità scostante si fabbrica un alter ego schizzato e violentissimo che risponde al nome di Charles Bronson, si, proprio lui, il giusitiziere della notte.
Manifestando in più occasioni la sua pericolosità sociale Peterson, oramai per tutti Bronson, finirà per passare ben 34 anni in galera , quasi tutti in isolamento.
Teoricamente ci troviamo di fronte a un biopic di un personaggio molto sui generis, in pratica è una rappresentazione teatrale stilizzata in cui il protagonista, uno smisurato Tom Hardy, è di fatto l'unico attore presente sulla scena.
Addirittura si rivolge al suo pubblico guardando nella telecamera cercando di vendere  se stesso nel migliore dei modi. La prigione è di fatto uno sfondo teatrale che ammortizza le gesta del "criminale più pericoloso di tutto il Regno Unito".
E questo senza aver mai ucciso nessuno.
Ne ha ammaccati,parecchi però. 
Michael Gordon Peterson in arte Charles Bronson, proprio come l'attore dallo sguardo di pietra, è certamente pericoloso non tanto perchè attenta alla vita degli altri quanto perchè non riconosce alcuna autorità superiore. E'pericoloso socialmente quindi molto più di un omicida.
Riconosce solo se stesso,il resto del mondo non lo riguarda, così il fatto di stare in isolamento per 30 anni dei quasi 35 anni trascorsi dentro.
Bronson sembra Mangiafuoco, assomiglia alla versione in carne, muscoli(soprattutto) ed ossa di quegli artisti da circo che decenni fa si vantavano di essere gli uomini più forti del mondo con tanto di bilancieri al seguito, è un figlio de-genere di Alex De Large ma con lui la cura Ludovico non ha mai funzionato.
E'una figura magnetica, oscura eppure quasi trasparente nella sua "filosofia" di vita ultra-violenta. Con la sola differenza che mentre nel film di Kubrick questa filosofia era la base di tutto, nel film di Refn è un processo in evoluzione costante che diventa sempre più evidente dopo ogni fatto violento che caratterizza la vita di Bronson, il quale ha una consapevolezza inferiore di quella che poteva avere il personaggio kubrickiano.

L'atmosfera che si respira nel film è surreale in questo corroborata dalla fotografia di Larry Smith che privilegia le tonalità sature. La prigione diventa una dimensione a metà tra la realtà e il sogno(o meglio l'incubo).
Refn tecnicamente è un regista parecchio talentuoso ma forse qui si lascia prendere la mano dall'enfasi di raccontare un personaggio eccessivo, sopra le righe.
Enfasi che si traduce in un uso piuttosto smodato delle musiche (fondamentalmente Verdi e Wagner ma anche musica leggera contemporanea) per sottolineare alcuni passaggi del film.
Refn in questa sua opera non si rivela essere regista da mezzi toni, il film è urlato in faccia allo spettatore ma  si avverte che il regista danese ha preso questo personaggio così off limits ad uso e consumo della propria estetica fatta di scene bellissime da vedere se prese singolarmente.
Nel suo insieme il film invece arriva a essere sfiancante pur nella sua breve durata (meno di 90 minuti al netto dei titoli di testa e di coda). 
Sembra che Refn abbia più voluto raccontare se stesso e la sua poetica da regista di nicchia (con continui ammiccamenti da Kubrick a Tarantino,dal Chopper di Andrew Dominik  al McGuigan di Gangster N.1,fulminante esempio di gangster movie britannico nichilista nella sua violenza)   che un personaggio come quello di Michael Gordon "Charles Bronson" Peterson.
La cui vita è comunque un grandissimo soggetto da cui trarre un film. 

( VOTO : 7 / 10 ) 

Bronson (2008) on IMDb

13 commenti:

  1. Se qua Refn "si lascia prendere la mano" aspetta di vedere OGF! :)
    Pure io avevo trovato qualche vaga similitudine con Chopper,
    Comunque il film mi era piaciuto parecchio, Tom Hardy spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di primo acchitto mi ha entusiasmato...ma poi mi ha anche sfiancato...l'ultimo ancora lo devo vedere...ho quasi paura...

      Elimina
  2. Che film, che film. E dire che tra quelli di Refn non è uno dei miei preferiti. Ma il danese sa girare e stupire, altro che.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per adesso al mio top di Refn ci sono Valhalla Rising e Drive...

      Elimina
  3. Tom Hardy pazzesco, film ottimo, sulla scia - come giustamente scrivi tu - di Chopper.
    Concordo in pieno con voto e recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tom Hardy è smisurato in tutti i sensi!

      Elimina
  4. è il primo film di refn che avevo visto, e a livello registico mi aveva impressionato.
    peccato si sia dimenticato di scrivere anche una sceneggiatura... :)
    anche per me piuttosto sfiancante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me è un film più di contenitore che di contenuto ma ad avercene...però magari senza essere così sfiancante!

      Elimina
  5. l'unico che mi manca, insieme all'ultimo, del regista danese... devo recuperarlo al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il recupero è assolutamente doveroso!

      Elimina
  6. Per me un gran bel film con un protagonista in stato di grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tom Hardy oltre a essere un bel manzo si dimostra anche ottimo attore...

      Elimina
    2. concordo ne Il cavaliere oscuro pur avendo gran parte del viso riesce, con quello sguardo penetrante a regalare una performance coi fiocchi

      Elimina